Conte: “I Benetton fuori dalle Autostrade. Non sacrificheremo il bene pubblico”.

Cambio di rotta del premier dopo le pressioni 5 Stelle: «Basta benefici». Domani la revoca in Cdm, ma il Pd frena...al via i ricatti della maggioranza, sarà prolungamento dello stato di emergenza?

///////
5 minuti di lettura

Giuseppe Conte è deciso a revocare le concessioni ad Autostrade per l’Italia: «I Benetton non hanno ancora capito che questo governo non accetterà di sacrificare il bene pubblico sull’altare dei loro interessi privati», dice a La Stampa. «Hanno beneficiato di condizioni irragionevolmente favorevoli per loro: può bastare così». L’ultima parola verrà detta martedì, a palazzo Chigi: «Porterò la questione della revoca in Consiglio dei ministri e decideremo collegialmente, ma non siamo disponibili a concedere ulteriori benefici».

Un cambio improvviso di rotta, dopo 24 ore di pressioni fortissime arrivate dal Movimento 5 stelle, che non avrebbe retto all’ennesima promessa mancata. Un gesto di una forza inedita, perché piomba a poche ore dalla deadline, e lascia sul piatto dei Benetton una sola via d’uscita: cedere tutte le loro quote in Aspi, con modalità non troppo penalizzanti dal punto di vista finanziario; che non assomigli, insomma, a un esproprio. Altrimenti, sarà revoca.

La tensione all’interno della maggioranza è altissima. Gli alleati del Pd e di Italia viva stanno cercando di convincere il premier a tornare sui suoi passi, ma trovano un muro di fronte a sé. Da una parte, la speranza dei Dem è che quella di Conte sia solo l’ultima minaccia della trattativa, e che dietro la durezza di facciata si nasconda invece il solito spirito sempre improntato alla negoziazione. Una mossa, in altre parole, studiata per ottenere di più di quel che è stato offerto finora: ovvero il ridimensionamento radicale delle quote dei Benetton in Aspi, come d’altronde chiedevano gli uomini di Luigi Di Maio. L’ipotesi avanzata dalla holding dei Benetton di passare dall’88% di quote al 40% non è sufficiente. Si chiedeva, invece, di scendere ancora e in modo «radicale». Anche l’articolo 35 del Milleproroghe, che i Benetton continuano a chiedere di modificare, sarebbe intoccabile. Un altro paletto. E l’abbassamento del 5% delle tariffe autostradali, proposto dal consiglio d’amministrazione di Atlantia non basterebbe a convincere i grillini. Nemmeno quelli guidati dal ministro degli Esteri.

Nei colloqui riservati avvenuti ieri, Conte ha comunque spiegato che «qualunque scelta prenderò, sarà nell’esclusivo interesse degli italiani». La gestione della vicenda, però, non va giù ai Dem: «Se non si rema tutti nella stessa direzione – avverte un nome di peso del Pd, che conosce bene gli umori all’interno del gruppo -, perdere il controllo all’ultima curva può provocare danni enormi, sia al governo che alle casse dello Stato. E a preoccuparsi di più, di solito, dovrebbe essere chi ha in mano il volante». Sulla stessa linea ci sono anche gli uomini di Italia viva, che definiscono una «follia» rifiutare l’accordo, «dovremmo essere felici che Atlantia abbia accettato di baciarci le pantofole, pronta a lasciare allo Stato il controllo della società». Leu si schiera invece al fianco dei Cinque stelle, chiedendo revoca e nazionalizzazione.

Una spaccatura, questa, che potrebbe emergere in tutta la sua forza domani, nel corso del Consiglio dei ministri. La temperatura, già rovente, si misura anche nei silenzi che avvolgono i ministeri maggiormente coinvolti, Infrastrutture ed Economia, entrambi a guida Pd ed entrambi contrari all’ipotesi di una revoca. Ma il nervosismo sale anche tra i Cinque stelle. Lo dimostrano le parole della senatrice Barbara Lezzi, vicina a Di Battista, che oltre a ribadire la necessità di revocare la concessione ad Autostrade, solleva dubbi sull’operato della ministra delle Infrastrutture Paola De Micheli (Pd), troppo schiacciato in favore dei Benetton, e altrettante perplessità sulla posizione degli alleati in Cdm, chiedendo che «venga reso noto il voto di ogni ministro». Difficilmente, però, il premier forzerà la mano con una decisione a maggioranza, spaccando in due il governo; ben consapevole dei venti che soffiano, in questi giorni, nelle vele del governissimo.

Lascia un commento

Post precedente

STATO DI EMERGENZA?/ L’alibi solo italiano per blindare Palazzo Chigi.

Post successivo

Salvini inchioda Zingaretti: "Qualcuno indaghi sulle sue mascherine".

Ultime dal Blog